Home Maltempo PROIEZIONI INVERNALI DA BRIVIDO, MOVIMENTI GELIDI A NEL PROSSIMO FUTURO

PROIEZIONI INVERNALI DA BRIVIDO, MOVIMENTI GELIDI A NEL PROSSIMO FUTURO

FORTI SEGNALI INVERNALI

La situazione a livello continentale sta prendendo una piega decisamente invernale: tutte le principali elaborazioni a lungo termine stanno convergendo verso una fase meteorologica dominata da freddo intenso su gran parte dell’Europa centrale.

A seguito dello Strat Warming avuto a dicembre, adesso pare che l’interferenza in troposfera sia divenendo una realtà tanto che i modelli deterministici stanno cominciando a proporre scenari nel lungo termine che poco lasciano ad interpretazioni: potrebbe essere in arrivo una cruda e lunga fase invernale che inizialmente sarebbe caratterizzata da un massiccio ingresso freddo da nord est e, successivamente, potrebbe invece complicarsi con l’intervento di interazioni umide occidentali. Sarebbe quindi tempo di neve, probabilmente fino al piano. Ma è presto per parlarne adesso.

Possiamo invece indicare i primi step della evoluzione più probabile: entro martedì ancora freddo con venti forti occidentali su tutta Italia, anche le regioni meridionali torneranno rapidamente in media con i valori tipici del periodo (portando un calo netto delle temperature). Sarà per lo più tempo stabile e soleggiato ma con gelate intense in particolare al centro nord ove avremo gelo estenso e consistente anche sulle località di pianura.

A seguire una temporanea pausa con un paio di giorni più tiepidi soprattutto in quota e soprattutto sul centro e sud Italia.

Nuova irruzione fredda invece a partire dalla seconda parte della settimana (vero il finire) con drastico calo termico ed arrivo di neve sul versante adriatico della Penisola per un minimo in approfondimento e spostamento verso la Grecia che richiamerà verso l’Italia aria gelida dai balcani.

Questo è quanto la media delle elaborazioni suggerisce ad oggi.

Sarà necessario verificare giorno per giorno gli scenari proposti man mano che ci avvicineremo alla fase meteo più delicata.

I più letti